Project Management Adattato alla Situazione Locale o Project Management “Internazionalista”?

In Veneto la regione lancia una campagna “compra veneto”, tutti conosciamo lo slogan “In Ticino per il Ticino”, sempre in Italia pare che le persone non comprino cinese se solo possono perché non considerano i prodotti sicuri.

Sappiamo tutti del referendum democratico sui minareti in Svizzera.

Una domanda: dopo “l´intossicazione” (uso il termine in senso tecnico) internazionalista, il mercato di base si sta forse orientando nuovamente verso le realtà locali o comunque culturalmente vicine? O comunque verso una ”customizzazione” locale dei prodotti, anche intellettuali?

Culturalmente, la gente lo sta facendo; stiamo per assistere al lato economico, anche intellettuale? Potrebbe essere un´occasione per le aziende e project manager di rilanciare la propria professionalità?

Che senso ha proporre metodologie di Project Management che (ammettendo che siano serie e garantite da un´Autorità, e non da associazioni o singole aziende) non sono adattabili alle necessità locali o che, essendolo, non lo sono?

Anche una metodologia riconosciuta internazionalmente, con una terminologia universale, va adattata alla situazione locale. Per fare un esempio virtuoso, PRINCE2 è di proprietà del governo inglese ed è previsto che sia adattabile (la famosa “scalability”)



Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s