Bacchiglione e Studio di fattibilita’ per il completamento della Idrovia Padova – Venezia

Il fiume Bacchiglione tra Vicenza e Padova

Alcuni giorni fa, sono stato invitato come relatore ad un convegno sull’idrovia Padova – Venezia, conosciuta anche come Canale Navigabile.

Si e’ forse trattato dell’unico convegno o altro che sia stato tenuto con l’obiettivo di analizzare la questione esclusivamente in modo tecnico (i relatori erano tutti tecnici) e senza preconcetti.

In effetti, il pubblico e’ stato entusiasta della presentazione, salutata da un robusto e lungo applauso; questo e’ stato indubbiamente dovuto alla qualita’ della presentazione, ma anche allo sforzo di usare parole e paragoni comprensibili a tutti.

Non bisognerebbe mai dimenticare che il pubblico e’ ansioso di sentire esposizioni tecniche, ma che queste esposizioni dovrebbero essere alla portata di tutti.

 

Ho cominciato con un’analisi della situazione del fiume Bacchiglione, facendo tesoro dell’informazione derivante dall’alluvione del 2010 e dalle piene seguenti.

Le conclusioni sono abbastanza semplici, pero’ sembrerebbe che sia stato il primo a trarle in un certo modo: a causa dell’elevata urbanizzazione (e della presenza di tante idrovore) la situazione e’ cambiata radicalmente dal 1966 ad oggi; in particolare, il pericolo non e’ piu’ rappresentato solo dalle acque montane, ma anche (e soprattutto, quando si parla del 2010), dalle acque pedemontane (e di pianura), e questo ha chiare implicazioni quando si usa documentazione risalente a vari decenni fa.

 

Dopo una parte sulla situazione (e sulle azioni auspicabili) del fiume Bacchiglione, con una parte sul Brenta, e’ seguita una lunga disamina dello studio di fattibilita’ per il completamento dell’Idrovia (o canale navigabile).

Sono stati analizzati anche gli effetti sulla laguna di Venezia, soprattutto l’innalzamento nelle varie condizioni di marea. In questa parte si e’ sottolineato come, a seconda del livello di marea in corrispondenza dello sbocco, le condizioni possano variare anche notevolmente.

 

E’ stato infine analizzato lo stato di fatto dell’ idrovia.

E’ stato in particolare rilevato come lo stato di fatto sia ben diverso da come normalmente dipinto, e che molte modifiche (ed altro) sarebbero comunque necessarie; cio’ non potrebbe non avere influenza su costi e tempi.

 

Al link che segue potete trovare la presentazione in oggetto:

http://www.slideshare.net/Righetconsult/bacchiglione-fattibilita-idroviapadovavenezia

Le slides sono solo una traccia per quanto esposto al convegno, ma per il Bacchiglione (ed il Brenta) si puo’ trovare molta piu’ informazione su http://youtu.be/MuaZTBd0WVw, oppure in coda alla presentazione. 

 

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.