Video

Qual’e’ lo Spirito di un Progetto di Internazionalizzazione?

Spesso ai progetti di export manca lo spirito: quello di un lungo viaggio che implica dei rischi: bisogna quindi intraprenderlo con persone di propria fiducia e con lunga esperienza – sul campo – estera.
Niente puo’ sostituire l’esperienza di lavoro e vita all’estero: export ed internazionalizzazione devono essere fatti da persone, non dall’informatica.

Video

Serve un Export Manager con Reale Esperienza per Fare Internazionalizzazione

Sapevate che l’internazionalizzazione ha anche una parte pratica, ovvero che poi in paesi stranieri bisogna andarci? Che serve un export manager con reale esperienza di vita e lavoro all’estero?
Tucco cio’ non lo trovate con i voucher o le presentazioni patinate.

Come Cominciare a Fare Internazionalizzazione?

Prima di tutto bisogna prendere la decisione se internazionalizzare o meno, dopo le opportune considerazioni di strategia aziendale:

  • All’azienda conviene fare internazionalizzazione?
  • Dove internazionalizzare?
  • Quale percentuale degli sforzi dell’impresa dedicheremo?
  • Ecc.

L’internazionalizzazione non deve essere fatta solo per gli incentivi statali, perche’ si rischia il futuro dell’azienda: investire soldi in un’operazione che non dovrebbe proprio cominciare puo’ portare al fallimento dell’impresa.


Occorre porsi delle domande:

  • Qual’e’ il futuro dell’azienda?
  • Quali possibilita’ aziendali ci sono?
  • Come pensate di gestire il futuro?
  • Ecc.

Bisogna decidere se fare internazionalizzazione, e come farla, solo dopo le opportune analisi – che dovete rivalutare personalmente.

 

Voucher per l’Internazionalizzazione o Fiducia Personale?

I voucher per l’internazionalizzazione significano scegliere un Temporary Export Manager (TEM) in base ad un elenco di aziende di consulenza preparato da un ministero (il MISE italiano).

Non solo ci sono ben altre cose da fare prima, ad esempio decidere se internazionalizzare o meno, ma non bisogna mai dimenticare che con queste operazioni si rischia il futuro dell’impresa.

E’ quindi necessario scegliere persone di propria fiducia, non scegliere in base a poche migliaia di euro vincolate; e comunque, non scegliere in base ad un elenco ministeriale.

Video

Il Made in Italy e l’Internazionalizzazione

Il Made in Italy e’ un potente fattore di internazionalizzazione, ma il farci troppo affidamento e’ un grave errore: all’estero, i clienti vogliono la dimostrazione che i vostri specifici prodotti e la vostra specifica azienda sono affidabili.

Il recente crollo dell’export di macchine utensili italiane in Russia (nonostante la meccanica italiana piaccia ai russi), crollo che non ha interessato anche la Germania, dimostra che dire Made in Italy non assicura il mercato.

Il marchio Made in Italy puo’ farvi prevalere sulla concorrenza quando i prodotti e le aziende concorrenti sono piu’ o meno in condizioni di parita’.

Quindi l’impresa italiana che vuole fare internazionalizzazione deve dimostrare, sia con il marketing che con i fatti, l’affidabilita’ sia dell’azienda che dei suoi specifici prodotti, nonche’ la flessibilita’ necessaria in ambiente internazionale.

Video

Arredamento – Come Fare Internazionalizzazione?

I dati ICE (Istituto per il Commercio estero) rivelano un crollo del 35.8% dell’export dell’arredamento italiano in Russia.
Al di la’ della guerra delle sanzioni, questo rivela un problema strutturale, ovvero un modo sbagliato di fare internazionalizzazione.
E’ necessario recuperare il mercato perduto, nonche’ conquistare nuovi mercati, prima che lo facciano i competitors – come e’ capitato in Russia con la meccanica.
Questo implica muoversi il piu’ rapidamente possibile, nonche’ dimenticare le faccende “burocratiche” e non contare troppo sugli incentivi, peraltro estremamente ridotti.
Se vogliono internazionalizzare bene, le imprese dell’arredo devono muoversi ora.

Video

Perche’ Fare Internazionalizzazione con Righetconsult?

Internazionalizzazione: la risposta alla semplice domanda Perche’ dovrei scegliere Righetconsult?

Righetconsult non propone ne’ video professionali da 5.000 – 10.000 E al pezzo, ne’ pamphlet patinati ne’ presentazioni stellari, ne’ tantomeno voucher.

Il marketing e’ bello, ma se non racconta la verita’ su un’impresa e’ solo marketing.

Righetconsult propone la sua onesta e lunga esperienza di vita e lavoro all’estero, e la verita’ sull’azienda e su come lavora.

Tocca ora al cliente decidere.

Video

Export extra UE ed Internazionalizzazione

Gli ultimi dati Istat sul commercio estero rivelano che l’export e’ salito molto ma meno dell’import. La differenza viene fatta dall’export extra UE, senza il quale la bilancia commerciale sarebbe probabilmente in negativo invece che in positivo.

Questo dimostra l’importanza, anche per l’Italia, dell’export extra UE.

La PMI che vuole internazionalizzare ha molti mercati a disposizione, ma deve muoversi rapidamente prima che le imprese concorrenti la battano sul tempo, tanto piu’ che la preparazione deve essere adeguata e richiede tempo.